La Festa dell’Assunta, si svolgeva a Ferragosto, davanti al Convento dei Cappuccini, dove si dava vita a una fiera. Uno degli aspetti principali della festa era la vendita e il  consumo di angurie. La festa coincideva con la scadenza dei vari tipi di contratti stipulati dai cittadini noceresi. Per questo motivo, la campana del convento, che in questo periodo suonava spesso per annunciare le varie liturgie, era detta “la campana dei debiti”. Si protrasse fino agli inizi degli Anni “60.

Il15 agosto del 1984 si svolse per la prima volta la processione e la Festa in Marina.

Storie vissute nel nostro Convento, questa è raccontata da Antonio da Paterno era un frate Cappuccino vissuto tra il XVI e il XVII secolo che riporta una testimonianza fornita nel 1588 dai noceresi Marco Aurelio Procino (dottore in fisica) e da suo fratello Virgilio (dottore in legge) in merito ad un rapimento subito dal loro padre, Antonio Procino, procuratore della fabbrica del convento

A Nocera un appuntamento importante, più che una festa, era una fiera. Si tratta di quella famosa che si teneva, ogni anno, nei pressi e nel greto del fiume Grande, nelle adiacenze del Piano di Tirena, e che verteva sul commercio di bestiame.

Utenti online

Abbiamo 43 visitatori e nessun utente online