Nell'ambito del progetto spaziale EOS, realizzato all’interno del Percorso di Alternanza Scuola Lavoro presso l’Istituto Tecnico Industriale “A.Russo” di Nicotera (VV), sabato 30 giugno verrà lanciata da una località vicina a una sottostazione delle ferrovie nel comune di Nocera Terinese una sonda stratosferica.

Il Progetto EOS Space Project realizzato all’interno del Percorso di Alternanza Scuola Lavoro presso l’Istituto Tecnico Industriale “A.Russo” di Nicotera (VV) e che ha coinvolto la classe IV A indirizzo Meccanica e Meccatronica, ha riguardato la progettazione e la realizzazione di una sonda stratosferica per il lancio in sicurezza fino a quaranta km di altitudine, di attrezzature scientifiche per la ricerca a grandi altezze e il successivo recupero in sicurezza del carico utile.
Il progetto è stato portato avanti in collaborazione con la ditta, esperta nella realizzazione di progetti near space, l’ABProject di Antonino Brosio che conta già all’attivo diversi lanci e progetti scientifici con enti di ricerca importanti e che vanta il 100% di lanci e recuperi portati a termine con successo; l’esperto esterno di questo progetto è l’Ing. Maria Antonia Tripodi, collaboratrice esterna della Ditta ABProject ed esperta del Parco Astronomico Lilio di Savelli, il tutor docente interno è l’ing. Domenico La Malfa che si è occupato della formazione teorica degli studenti coinvolti. Il lancio inaugurale della sonda è previsto per il prossimo 30 Giugno 2018 come da autorizzazioni aeronautiche alle ore 11:00 AM.
Lo scopo del Progetto EOS è stato quello di ideare e realizzare una famiglia di sonde stratosferiche riutilizzabili e che successivamente possano essere noleggiate a enti di ricerca e istituti impegnati nel test di attrezzature scientifiche in condizioni estreme quali quelle del vicino spazio.
EOS, che prende il nome dalla divinità Greca dell’aurora, porterà la sonda ad effettuare un test dinamico in volo alla quota massima di 35 km e successivamente, di recuperare l’intero carico tecnologico e scientifico grazie al sistema di rientro che farà scendere la sonda senza danneggiarla. La sonda EOS verrà portata alla quota prevista grazie a un pallone stratosferico realizzato dalla ditta Hwoyee da 1600 grammi, che verrà riempito con circa 6 metri cubi di elio.
L’involucro della sonda contenente il payload è realizzato in EPP e ha la forma di un esagono dove ogni lato è stato ideato per contenere un “pezzo” del il carico utile da portare in quota.
Il Payload è formato da diversi strumenti che serviranno sia per la telemetria che per il tracking in tempo reale della posizione della sonda durante il volo, inoltre sono previste due camere tipo GoPro che realizzeranno filmati in alta risoluzione e fotografie spettacolari durante il volo. Il carico scientifico scelto per il test inaugurale della sonda sarà composto da due rivelatori di particelle ArduSiPM, rivelatori di nuova concezione molto compatti ed economici, unici nel panorama mondiale. I rivelatori sono stati concepiti e progettati da un gruppo di ricerca dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare sezione di Roma guidato dal Dott. Valerio Bocci. Il loro scopo sarà misurare il flusso di raggi cosmici a variare della quota.
Inizialmente il lancio della sonda era previsto dalla Diga sul fiume Metramo, in provincia di Reggio Calabria, ma a causa dell’instabilità meteo avuta nelle passate settimane e che ha causato delle correnti verso il Mar Ionio, si è stati costretti al fine di garantire il recupero in sicurezza della Sonda EOS, a spostare la location del Lancio.

La nuova zona di lancio sarà nel Comune Tirrenico di Nocera Terinese, in provincia di Catanzaro. Il lancio avverrà all’interno di uno spiazzo privato di proprietà delle Ferrovie.

Le coordinate della zona di lancio sono: Latitudine: 39.0269 – Longitudine: 15.1065.

Dopo una salita nell’atmosfera della durata di circa 100 minuti, arriverà alla quota di 35 km di altitudine; L’atterraggio è previsto circa 180 minuti dopo il decollo e avverrà mediante l’uso di un paracadute adeguatamente dimensionato appositamente per il rientro da altitudini estreme, la sonda toccherà terra in una località al momento non prevedibile ma che potrà essere individuata sin da 5 giorni prima del lancio grazie al software di simulazione realizzato.


Meteo

Utenti online

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

Ragazzi Noceresi

CONSIGLIATI

Padre Giovanni Fiore da Cropani in “De Calabria Illustrata”

Una bella descrizione di Nocera nel 1600

La conquista delle terre e la storia della coperativa "La proletaria"

La conquista delle terre e la "LA Proletaria"

Il sito istituzionale del Comune di Nocera Terinese

Comune di Nocera Terinese, il sito ufficilae

Il sito dell'Istituto Comprensivo Statale di Nocera Terinese

Istituto Comprensivo di Nocera

Istituto Superiore di Studi Musicali "Tchaikovsky" di Nocera Terinese

Conservatorio di musica "Tchaikovsky"

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok Rifiuta